A Manà

8,9918,00

Un mondo più equo è un mondo in cui le risorse sono ripartite in maniera più bilanciata, dove c’è più rispetto per i diritti dei più deboli e dove questi diritti vengono riconosciuti. Cercare di rendere questo universo terreste un posto più giusto può apparire un’utopia, ma c’è chi ci prova, con impegno e con tenacia, tanto quanto c’è chi prova ad ostacolarli. In un balletto eterno tra forze contrapposte Paolo Groppo è uno di quei combattenti che cerca di fare la differenza. In questo libro racconta i progetti realizzati, le idee proposte e le lotte sostenute, per far si che quei deboli troppe volte calpestati venissero presi in considerazione, perché le terre non fossero spartite tra attori politici ed economici, ma fossero riconosciute a chi le lavorava come da diritto centenario. Con le sue testimonianze cerca di provocare riflessioni e azioni più progressiste in un contesto mondiale dove le asimmetrie di potere aumentano, a scapito dei meno forti.

Svuota
COD: N/A Autore: Collane: