Storia di una conquista – Hernán Cortés e i Méxica

11,9923,00

Genere storico

“Il sole aveva appena incominciato a declinare, quando il tlatoani scrutò dentro il diadema che coronava l’uccello. E vi scorse una moltitudine in assetto di guerra, che marciava a squadroni, montando strani animali, simili a cervi superbi.
[…] Questi e altri furono i segni della rovina. Ma non si arresta il corso del sole, non si cambia il destino di uomini e regni,
se il loro tempo oramai si è compiuto.”

Hernán Cortés muove alla conquista del regno dei Méxica alla testa di un manipolo di spagnoli sprezzanti del pericolo,
spinti da sete di gloria e sogni di ricchezza, e pronti a dare battaglia in nome della Fede. Si scontra così con un popolo
operoso e combattivo, le cui tradizioni fanno di ogni maschio un guerriero e della guerra il mezzo per ampliare il numero
dei territori tributari e procurare vittime sacricali agli dei.
Nella narrazione, grazie all’alternanza delle voci dei Castigliani e dei Méxica, gli eventi vengono presentati dalle diverse
prospettive. Tra le tappe della Conquista e i sanguinosi scontri si inseriscono suggestive descrizioni di paesaggi e squarci
di vita quotidiana. Si riscopre il fascino di una civiltà scomparsa, caratterizzata da una complessa organizzazione militare
e amministrativa, da una religione basata sullo stretto legame tra l’uomo e la natura, dall’avvincente simbolismo
di numeri, rituali, strutture, produzione artistica e molto altro ancora.
La ricostruzione dei contemporanei eventi del Vecchio Continente completa, nelle sue contrastanti sfaccettature, il
quadro dell’epoca delle grandi scoperte geograche, travagliata da guerre e fermenti religiosi.

Svuota
COD: N/A Autore: Collane: